.
Annunci online

 
PaoloBongiorno 
Dirigente politico ucciso dalla mafia. Il delitto è rimasto impunito
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Progetto Legalità
Presidente della Repubblica
Trattato che adotta la COSTITUZIONE EUROPEA
  cerca


 

Diario | Paolo Bongiorno | Il delitto | Il funerale | Il Prefetto "orienta" le indagini | "Cosa di fimmini fu" | La stampa e il "caso Bongiorno" | Mafia e politica nell'agrigentino | La sorella di Bongiorno al consiglio comunale | In memoria di Paolo | Vittime della mafia | SALA STAMPA 2005 | SPECIALE. 59° anniversario omicidio Miraglia | SPECIALE. 20 anni fa il primo maxi processo alla mafia | SALA STAMPA 2006 |
 
"Cosa di fimmini fu"
1visite.

11 gennaio 2006

Rieccolo: il movente passionale.

Seppur coordinate dal commissariato di Polizia di Sciacca e dalla Tenenza dei Carabinieri di Ribera, e da un ispettore inviato appositamente a controllare le indagini dal ministro dell'interno Mario Scelba, il lavoro investigativo decisivo fu quello del maresciallo di Lucca Sicula Girolamo Inzerillo. Il maresciallo rampante spostò le attenzioni investigative sul movente passionale, asserendo addirittura che il bersaglio di quei due colpi di lupara non fosse Paolo Bongiorno ma Giuseppe Alfano, il nipote che era insieme alla vittima quando fu ucciso. Chiaro il depistaggio delle indagini...
(continua...)




permalink | inviato da il 11/1/2006 alle 14:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre